Maltempo: in arrivo temporali sulle regioni settentrionali e centrali

Nella giornata di domani una perturbazione atlantica interesserà gran parte delle nostre regioni settentrionali con precipitazioni che risulteranno più frequenti ed intense sulle zone alpine e prealpine e sui settori occidentali. Da domenica il maltempo si sposterà anche al centro e porterà un rinforzo dei venti da sud su gran parte della penisola. Si tratta della prima importante perturbazione dopo un’estate caratterizzata da caldo, scarsità di piogge e incendi. Come già specificato nelle raccomandazioni inviate alle regioni lo scorso 1° agosto, infatti, è necessario prepararsi al meglio per la prevenzione del rischio idrogeologico, con particolare attenzione alle aree interessate da incendi boschivi che, oltre alla perdita di suolo fertile e di vegetazione, possono favorire fenomeni di dissesto dei versanti provocando, in caso di piogge intense o prolungate, l’erosione del terreno e il possibile innesco di frane o di caduta massi improvvisa.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dalle prime ore di domani, sabato 9 settembre, precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Lombardia e Liguria, in estensione a Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Le cumulate delle piogge potranno risultare anche molto abbondanti sui settori occidentali e sulle zone alpine e prealpine. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi, venerdì 8 settembre, allerta arancione sul versante tirrenico della Calabria e sulla parte occidentale della Basilicata. Per la giornata di domani, è stata valutata ancora allerta arancione sul versante tirrenico della Calabria, sulla parte occidentale della Basilicata, sulla Liguria e su buona parte del Veneto, mentre l’ allerta è gialla sulla Puglia, sul resto della Calabria, della Basilicata e del Veneto, sulla Campania nella Piana Sele e Cilento, in Friuli Venezia Giulia nel Bacino dell’Isonzo e sulla Pianura di Udine e Gorizia, nella parte nord della Lombardia, in Emilia Romagna sui Bacini Trebbia-Taro e sulla Pianura di Piacenza e su parte del Piemonte.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com