Maltempo: continua l’allerta su gran parte del Paese

Logo_protezione_civile_nazionale_200x200Le precipitazioni, anche a carattere temporalesco, continueranno a colpire diverse regioni italiane, in particolare quelle del centro-sud, a causa della vasta depressione atlantica attualmente posizionata su gran parte dell’Europa. Oltre a piogge e temporali, l’arrivo di aria più fredda, che interesserà anche le regioni meridionali, favorirà nevicate a quote collinari sul Friuli Venezia Giulia, sulle regioni centrali e sulla Sardegna.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, quindi, un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quelli diffusi nei giorni scorsi. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

In particolare, l’avviso prevede, dal tardo pomeriggio di oggi, sabato 31 gennaio, il persistere di precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sul Lazio, nonché, dai quadranti occidentali, l’arrivo di venti di burrasca, con raffiche di burrasca forte, prima su Sardegna, Sicilia e Calabria, poi anche su Basilicata, Campania e Puglia, venti che potrebbero causare mareggiate lungo le coste esposte.

Inoltre, dalle prime ore di domani, domenica 1° febbraio, si prevedono nevicate fino ai 300-500 metri – ma localmente anche a quote più basse – su Friuli Venezia Giulia, Toscana, Umbria, Abruzzo, Molise, Lazio e Sardegna, con apporti al suolo da deboli a moderati.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi e domani criticità rossa per rischio idrogeologico localizzato su buona parte della Basilicata e arancione per rischio idraulico sulla parte restante della regione, oltre che sulle zone del basso Ofanto in Puglia. Ancora criticità arancione, ma per rischio idrogeologico, è stata valutata per oggi sui bacini interni di Abruzzo, su gran parte della Campania tirrenica, su quasi tutto il territorio calabrese e su molte zone della Sardegna occidentale.

Per la giornata di domani, invece, criticità arancione è indicata sempre sui bacini interni abruzzesi, su gran parte della Campania tirrenica e su quasi tutta la Calabria. Infine, sempre per domani, è stata valutata criticità gialla sul Friuli orientale e su quasi tutti i settori centro-meridionali dell’Italia, dalla Toscana alla Calabria, comprese le due isole maggiori.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com